Tag Archives: roma

Roma-Bayern 1-7 e lo stato del calcio italiano – #championsleague #chl #europaleague #serieA @skyseriea

romabayern

Dopo la disfatta della Roma contro il Bayern si è riaperto sui social il dibattito sullo stato del calcio italiano. Non sono solo i tifosi ad aver ricominciato a lamentare un livello giudicato infimo, ma anche alcune testate che hanno voluto aprire sulle loro pagine dibattiti sul tema.

L’occasione è ghiotta per due riflessioni sulla partita e sul giudizio da dare.

LA PARTITA

Ho apprezzato le parole di Garcia che si è preso le colpe della sconfitta. Spesso gli allenatori lo fanno a prescindere spostando strumentalmente su di loro l’attenzione per alleggerire la squadra. Nel caso di Garcia invece credo fosse un atto doveroso, perché effettivamente il responsabile è lui.

Non c’è dubbio sul fatto che la Roma sia inferiore al Bayern. Lo si sapeva anche alla vigilia al netto dei proclami. Allo stesso modo il risultato non esprime secondo me il reale divario in assoluto tra le due squadre (secondo me inferiore).

La Roma ha perso 7-1 perché ha sbagliato completamente tattica ed al contempo ha avuto un approccio mentale alla gara totalmente sbagliato, fuori luogo. Le analogie con il 7-1 di Manchester sono molte e dicono di un ambiente da sempre soggetto a questi alti e bassi in quanto non abituato alla vittoria. Tattica e aspetto psicologico sono i due aspetti chiave dell’attività di un tecnico.

Giusto quindi dare le colpe a Garcia. Al netto di queste probabilmente la Roma sarebbe uscita battuta con proporzioni più simili – ad esempio – a quelle della Juventus nei quarti di Champions di due anni fa (2-0, 0-2) un 4-0 in 180′.

LO STATO DEL CALCIO ITALIANO

Si continua a commettere l’errore di giudicare il nostro movimento calcistico per le eccellenze che esprime e non per il livello medio.

E’ un dato di fatto che nell’ultimo quadriennio mondiale 2010-2014 le eccellenze nazionali non hanno avuto risultati all’altezza del massimo livello continentale.

A fronte delle due coppe campioni (Milan 2007, Inter 2010) vinte nel quadriennio precedente, il post-Sudafrica ci ha riservato solo sparute comparse (Inter nei quarti 2011, Milan nei quarti 2012, Juve nei quarti 2013).

Tuttavia le primissime del campionato non dicono di quale è il valore medio delle nostre squadre. Per farlo bisogna tenere nella giusta considerazione l’Europa League. Ed in questo senso è quella la competizine a cui guardare per dare una valutazione più seria e completa della competitività delle nostre squadre. E’ in questa competizione e non nella Champions che abbiamo perso il quarto posto nel ranking.

Ricordate cosa è successo alle tedesche nel quadriennio 2006-2010, ovvero quello del sorpasso all’Italia nel ranking? 2006: nessuna squadra nei quarti; 2007: Bayern eliminato nei quarti; 2008: Shalke04 eliminato nei quarti (Werder fuori nei gironi, Bayern – per la cronaca – battuto dallo Zenit in semifinale di Coppa Uefa); 2009: Bayern fuori nei quarti (unica qualificata dai gironi di Champions); 2010: Bayern battuto in finale dall’Inter.

Risultato: nel 2011 ci siamo svegliati con una squadra in meno in Champions. E 9 punti dai tedeschi nel ranking.

Cos’era successo? Che nel 2006 lo Shalke ha fatto i quarti di EL (nessuna italiana), nel 2007 il Werder era in semifinale e il Bayer Leverkusen nei quarti (nessuna italiana, nemmeno negli ottavi), nel 2008 Bayern in semifinale (come la Fiorentina) e Bayer Leverkusen nei quarti, nel 2009 Werder finalista e Amburgo semifinalista (Udinese fuori nei quarti, nessuna italiana agli ottavi), nel 2010 Amburgo semifinalista (Juve fuori agli ottavi, unica italiana agli ottavi).

Prendete la Spagna se preferite: si è sempre detto che la Liga esprimerebbe un movimento mediocre alle spalle delle prime. Eppure se si guarda all’Europa League si scopre che nel 2011 il Villareal è stato semifinalista, nel 2012 Atletico Madrid vincente con Bilbao in finale e Valencia in semifinale, nel 2014 Sivliglia vincitore con Valencia semifinalista. Sono ben 5 squadre di seconda fascia che arrivano alla fase decisiva in 4 anni. In questo lasso di tempo l’Italia ha fatto una semifinale (persa) con la Juventus.

Cosa ci manca?

Sarò banale ma è il nostro modo di giocare a calcio che risulta ormai anacronistico. Nell’approccio, prima ancora che nell’esecuzione.

Viviamo il campionato (che per la metà delle squadre è una tranquilla rincorsa senza patemi di retrocessione né velleità di scudetto) con pathos eccessivo, dividendoci tra squadre al top che vincono sempre contro avversari chiusi a fare le barricate nella loro area, e squadre di seconda e terza fascia abituate più a speculare sul risultato che a imporre una propria filosofia di gioco.

E così la nostra serie A finisce per non essere un banco di prova all’altezza per le prime della classe che recitano monologhi e vanno nel pallone quando devono interpretare partite contro avversarie che non ti concedono il 60% di possesso palla, mentre le altre sono talmente disabituate a fare gioco che quando si trovano a fronte di avversari abbordabili ne subiscono le (poche) buone attitudini.

Non mi stupisce ad esempio che a partire dal dominio Bayern (duopolio con il Dortmund nelle ultime quattro stagioni) siano peggiorate anche le prestazioni delle tedesche in Europa League, visto che nelle ultime 4 edizioni hanno conquistato la miseria di un quarto di finale con l’Hannover nel 2012!

In tutto questo non dimentichiamoci che quest’anno fortunatamente in Europa ci sono Napoli, Inter e Fiorentina che sono partite con i migliori auspici, e che anche il Torino sta ben figurando. Con l’augurio che tutte possano qualificarsi (l’obiettivo è ampiamente alla portata) al turno successivo e la speranza di poter rivedere almeno una delle nostre compagini in semifinale di EL.

Siamo in crisi?

Non lo siamo più di quanto non lo eravamo 12 anni fa, anche se ora il giornalismo miope non può più raccontare di acquisti faraonici e sperpero di denario, come accadeva fino ad alcuni anni fa. Non saremo rinati fino a che i risultati non torneranno. Ma non sarà una Champions a “fare primavera”, ma la capacità di risultati (anche intermedi, come piazzamenti e semifinali conquistate) di prestigio ma senza clamore. Fino ad allora dovremo solo riflettere sullo stato del nostro gioco, più che sui risultati. Quelli saranno consequenziali.

Nè Juve nè Napoli, nè Conte nè Benitez: lo scudetto del conto economico lo vince la Roma di Rudy Garcia

Nè Juve nè Napoli, nè Conte nè Benitez: lo scudetto del conto economico lo vince la Roma di Rudy Garcia. Non saranno molto contenti i due tecnici che ieri sera si sono dati battaglia al San Paolo a scoprire che i conti da loro forniti sono egualmente sbagliati e che se c’è uno che va lodato per l’ottimo rapporto qualità (punti fatti) prezzo della sua squadra, quello è il tecnico francese della Roma.

Curiosa la polemica nata stasera nel dopo Napoli-Juve tra Rafa Benitez e Antonio Conte. Curiosa perchè proprio in questi giorni mi ero dilettato ad utilizzare la classifica del monte ingaggi delle squadre di serie A e i dati sugli investimenti effettuati da ogni società sul mercato quest’anno per capire chi stava rendendo meglio o peggio rispetto ai costi sportivi sostenuti.

Andiamo con ordine.

Benitez afferma: “Trecento milioni di fatturato ti permettono di comprare i migliori calciatori del mondo”

Conte ribatte: “La formazione azzurra è stata costruita per vincere, De Laurentiis ha speso più di cento milioni di euro e per questo non può accontentarsi di partecipare. Il fatturato? È una cosa opinabile, sulla nostra squadra sono stati investiti appena 20 milioni di euro”.

Chi ha ragione? Proviamo a mettere qualche punto fermo.

Il fatturato della Juventus nell’ultima stagione secondo i dati della Deloitte Football Money League è stato di 272,4 milioni.

Quanto afferma Benitez è quindi falso. E lo è sul piano contabile, ma anche su quello formale. Bene fa in questo senso Conte a correggere il tiro parlando degli investimenti.

Ma qui l’allenatore della Juve non è sufficientemente preciso, e trascura a sua volta un aspetto importante, ovvero il monte ingaggi. Perchè una squadra di serie A non viene costruita interamente in un’estate, come succede al fantacalcio, ma ha dei valori consolidati nel tempo, anche se indubbiamente gli investimenti estivi contano.

Ci vengono in aiuto i dati del sito Transfermarkt.it e della Gazzetta dello Sport.

La Juventus paga ai suoi giocatori 116 milioni di euro. Risulta poi che tutti i movimenti di mercato di quest’estate (che potete trovare qui nel dettaglio squadra per squadra) abbiano fruttato alla Juve 5,985 milioni di euro. In altre parole la Juve (che per gli acquisti, a voler essere precisi, ha speso 31,860 mln e non 20 come dichiarato da Conte) tra l’estate scorsa e il mese di gennaio ha incassato più di quanto investito sul mercato.

Il Napoli, che ha un monte ingaggi totale di 74,1 milioni di euro, effettivamente (come detto da Conte) ha speso sul mercato 100,7 milioni di euro. Ma in gran parte si trattava dell’introito per la cessione di Cavani al Psg (64,5 milioni). Alla fine quindi l’investimento reale di De Laurentiis per rinforzare la squadra è stato di 29,1 milioni di euro, dati dal saldo tra i 100,7 milioni spesi e i 71,2 milioni spesi.

A conti fatti quindi si può dire che il costo sportivo della stagione Juventina è stato di circa 110 milioni di euro (ho aggiunto ai dati Gazzetta il milione speso per Osvaldo arrivato in gennaio) mentre il Napoli ha sborsato in tutto, tra mercato e monte ingaggi circa 103 milioni di euro. Insomma, la differenza di quello che io chiamo “costo sportivo” della stagione non è stata poi molta.

In questo senso, quindi, mi sento di dire che la polemica – innescata da Benitez nel prepartita – mi pare essere del tutto fuoriluogo. I 64 punti del Napoli fatti fin qui se riportati a media costante alle 38 partite finali del campionato sono costati ciascuno 1,32 milioni di euro. La Juventus di Conte (a cui è difficile chiedere più degli 81 punti in 31 partite che a media costante potrebbero proiettarla a 99-100 punti a fine stagione) è invece costata 1,1 milioni di euro a punto. I dati parlano chiaro.

Tuttavia, in questo ragionamento, chi può fare la voce grossa è soprattutto Rudy Garcia, tecnico della Roma. Pescando dalle stesse fonti vediamo infatti che la sua squadra, che ha un importante monte ingaggi pari a 92 milioni di euro l’anno (ed annovera peraltro il calciatore più pagato della A, Daniele De Rossi, che prende 6,5 milioni l’anno), in estate ha disinvestito. Il saldo tra soldi spesi e incassati dalla Roma è stato infatti positivo per 41 milioni di euro (decisivi i 60 incassati tra Marquinhos e Lamela e i 20 tra Bojan e Bradley). La Roma quindi ha finanziato il 44,5% della sua stagione grazie al mercato. A conti fatti ogni punto dei giallorossi costa a bilancio alla società 580 mila euro. Praticamente la metà di quel che costano a Juventus e Napoli.

Interessante – nell’elaborazione per tutta la serie A – notare il costo abnorme della stagione di Milan e Inter, ancor più fallimentare alla luce delle cifre spese dalle due società. Ma anche il fallimento del Sassuolo (1,72 mln a punto). Realtà a cui fanno da contraltare le virtuose: Udinese, Cagliari, Torino e Parma.

Per eventuali delucidazioni o contatti stampa se qualcuno volesse approfondire la tematica o visionare il foglio dati: giovanni.armanini@gmail.com

Kevin Strootman, l’uomo giusto per la Roma

traduzione da un articolo di James Horncastle per whoscored.com
@JamesHorncastle

Kevin Strootman stats

Strootman ha avuto la più alta media di tackle a partita di qualsiasi altro giocatore in Europa League. Un aspetto del suo gioco migliorato giocando con il suo ex compagno di squadra Mark van Bommel.
 
I due sono stati frequentemente confrontati e c’è qualche ragione in questo. Oltre alla capacità di van Bommel di rompere il gioco, Strootman possiede ha pure qualità da leader. Era il suo vice al PSV ed ha capitanato l’Olanda al Campionato Europeo Under 21 in Israele.
 
Ma qui finiscono le somiglianze. Poiché Strootman è ambivalente: sa costruire il gioco ma anche distruggerlo. Ha una media di 77,3 passaggi a partita in Europa League la scorsa stagione, la sesta più alta nel torneo e ha fatto quei passaggi con una precisione del 91,8%. Si alza su e giù per il campo molto di più di quanto non facesse van Bommel.
 
“Mi piace giocare da un lato verso l’altro”, ha detto Strootman a Il Corriere dello Sport. “Io faccio entrambe le fasi di gioco, attacco e difesa, senza una particolare preferenza.” Indicativo del suo stile “box-to-box” è la statistica che lo pone al quarto posto in Europa League nella scorsa stagione per tiri a partita.

g.a.

Ranking Uefa: entro due anni perderemo un altro posto in Champion’s – #calcio #italia

Se il buongiorno si vede dal mattino il calcio italiano si prepara all’ennesima stagione in cui verrà preso a schiaffi in Europa. Già due squadre su tre eliminate dall’Europa League, l’Udinese retrocessa, un bilancio assolutamente negativo e l’ennesimo dato preoccupante: secondo i dati del ranking Uefa le nostre squadre hanno riportato a livello Paese uno sconfortante 23esimo score (2,214 punti) a livello europeo.

Fare i nomi di certi paesi che hanno fatto meglio di noi potrebbe urtare la sensibilità di quelli che ragionano ancora come quando eravamo i più forti di tutti. Basti dire che dal quinto all’undicesimo posto TUTTI hanno fatto meglio di noi in termini di punteggio (si tratta di Francia, Portogallo, Russia, Ucraina, Olanda, Grecia e Turchia). Ed ora il livello degli avversari è destinato ad alzarsi (il nostro… il Napoli al posto di Roma e Udinese? …non lo so).

Solitamente i preliminari costituiscono (per le 15 nazioni più forti d’Europa) il 23% del bottino finale di punteggio nel ranking. Significa che se non ci sarà una svolta (che significa giocoforza vincere almeno una Coppa quest’anno e fare così incetta di bonus) entro due anni il rendimento attuale ci porterà dritti al declassamento al sesto posto, con il rischio che già a fine anno la Francia (che nei preliminari ha raccolto il terzo score tra le prime quindici d’Europa dietro a Inghilterra e Austria) ci possa sopravanzare.

Non credo che le categorie della vergogna facciano parte dello sport. Si gioca, ci si confronta, c’è chi vince e c’è chi perde. Tuttavia bisogna farlo con coscienza dei propri e degli altrui mezzi.

Nessuno sembra essersi accorto ad esempio che nello Slovan Bratislava di ieri sera c’erano in campo ieri sera 6 nazionali (contando anche il ’92 Pauschek che è nell’under). Non significa pensare di giocare contro i migliori al mondo, ma almeno rispettare un avversario che è pur sempre campione in carica nel suo paese. Ed invece prima della sfida d’andata si leggeva di esperimenti tattici, prove tecniche e vaccate del genere, che ormai in Europa abbiamo in testa solo noi e che significano solo zero cultura, niente rispetto dell’avversario, supponenza a fiumi e fallimenti assicurati.

Certo, Palermo, Roma e Udinese hanno perso per motivi diversi, ma il dato comune resta imbarazzante.

L’Udinese in 180′ non ne ha avuto uno solo in cui si è trovato in vantaggio e le situazioni di parità sono state rare: 8′ all’andata, 16′ al ritorno. Questa è inferiorità psicologica prima ancora che tecnica contro una squadra che vive il momento più difficile della sua storia recente. Il rigore sbagliato da Di Natale dà solo l’esatta dimensione di una squadra che arriva lì e si sente tremare le gambe.

Il Palermo, infine, è la barzelletta di sè stesso. Ha preso 3 gol in 180′ dal Thun. A prescindere dal fattore campo: cosa vuoi pretendere da una squadra che ogni ora che passa prende un gol e nonostante questo ha l’approccio mentale di chi si sente palesemente superiore all’avversario?

In pochi mesi la situazione è peggiorata, prima si iniziava a parlare di questi temi negli ottavi di Champion’s, ora partiamo già dai preliminari di Europa League.

Nella bassa bresciana il mitico Ciarli Varisco diceva ai suoi giocatori dilettanti prima delle partite: “Noi non sappiamo giocare, se ci rendiamo conto di questo possiamo rendere al 200%”. Lui lo faceva con un linguaggio un po’ colorito (parole testuali: “Notef fom cagà, gom de rindis cont che fom cagà, se sa rendem cont zughem be, altrimenti le ciapom”), ma la sostanza è quella: fin che l’Italia non ripartirà da questa convinzione smettendola di appellarsi a stronzate tipo: la sfortuna, il caldo agostano, le preparazioni pesanti o… barzelletta delle barzellette “il poco interesse per l’Europa League” continueremo a crogiolarci in una supposta superiorità ampiamente smentita dai fatti, beffata dal campo, superata dagli eventi.

Se poi a tutto questo unissimo anche un po’ di cultura e conoscenza che vada oltre la formazione titolare di Barcellona, Real e Manchester United (questo accomuna tutti: addetti ai lavori, giornalisti e tifosi) certo non guasterebbe nell’approccio con certi avversari.

Ovviamente partono i processi. Ma il dramma non è il fatto che partano processi mediatici o commenti fuori luogo tra i tifosi: il problema è che a fare i processi sono le società al loro interno!! Vedi il caos Roma, società fantoccio in mano a una banca e a un sedicente zio ricco e il Palermo e le minacce di addio di Zamparini. Fa eccezione l’Udinese che di fatto è stato declassato a quello che è il suo livello e quindi semplicemente fa spallucce a testa bassa e torna nel suo in silenzio.

E dico quest’ultima cosa con grande convinzione. E – come cerco di fare sempre – con la forza dei numeri. L’Udinese non è squadra da Champion’s ma da Europa League perchè il nostro campionato in questo momento sta esprimendo un valore medio inferiore rispetto all’attuale posizione nella classifica europea. Siamo quarti nel ranking, dopo Inghilterra, Spagna e Germania ma prima di Francia, Portogallo e Russia (che ha appena perso un posto in Champion’s a favore dei lusitani), ma quest’anno per l’ultimo anno abbiamo usufruito dei posti riservati ai terzi classificati: confermando che quella non è la nostra posizione.

Attenzione ora ai rischi: lo scorso anno abbiamo perso 3 squadre su 4 in Europa League nei gironi, quest’anno ci presentiamo con 2. In Champion’s intanto il rischio di non portare il Napoli agli ottavi è rilevante (e attenzione perchè la mancata qualificazione significa non poter aggiungere 5 punti al punteggio finale, mentre ai 4 del non raggiungimento della fase a gironi abbiamo già dovuto rinunciare lo scorso anno con la Samp), l’ipotesi di trovarci alle spalle della Francia nel mese di giugno, e di Francia e Portogallo nel giugno 2013 non è così remota.

LA CAPARRA DELLO ZIO TOM – TUTTO FATTO IN CASA #ROMA? PER NIENTE – #Unicredit #DiBenedetto

Oggi Dagospia ripubblica un pezzo de La Stampa che sostanzialmente conferma quanto dicevo nei giorni scorsi a proposito dell’affare AS Roma – Di Benedetto – Unicredit.

Ad un passo dal traguardo, ad un passo dalla rottura. Mai stati così vicini, mai stati così lontani. Non sono paradossi, è il destino della Roma e dei suoi tifosi, costretti a rimanere con il fiato sospeso per conoscere l’esito della trattativa tra DiBenedetto e Unicredit. Rilassarsi non è concesso: a meno di 24 ore dall’annuncio della data del closing (fissato per il 29 luglio) il cortocircuito tra le parti ha toccato i massimi storici.

via LA CAPARRA DELLO ZIO TOM – TUTTO FATTO IN CASA ROMA? MANCO PER NIENTE:.

Nel frattempo la società ha venduto Menez al Paris Saint Germain prendendo Bojan con una formula (da 12 mln) che è a metà tra la comproprietà, il prestito biennale, il prestito oneroso e l’acquisto… e probabilmente si appresta a cedere De Rossi e Vucinic.

Le banche ormai sono come le telefonate: ti allungano la vita. Ma da lì a farti vivere bene…

A.S. #Roma, oggi le #comiche, altro che modello #Barcellona – #calciomercato #Unicredit

Il presidente della Roma

Leggo su Calciopress.net (che cita una nota stampa ufficiale della AS Roma) nel pezzo
A.S. Roma, closing mercato e modello Barça | Calciopress.net

Nella nota si precisa che il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la cessione alla A.S. Roma, di un finanziamento di 10 milioni di euro e che è stato sottoscritto tra Unicredit e la A.S. Roma un contratto di finanziamento di 30 milioni di euro. Insomma, ormai appare tutto fatto per il passaggio definitivo della società nelle mani statunitensi della cordata DiBenedetto.

Che tradotto in Italiano significa che una banca ha venduto una società ad un imprenditore che per acquistarla e iniziare ad operare ha dovuto essere finanziato dalla stessa banca.

Se me lo dicevano prima  a queste condizioni  la compravo io.

Come leggere il #calciomercato 2011

Non sono un appassionato di quel genere letterario fantasy che è il giornalismo legato al calciomercato, che in queste settimane spopola in ossequio al fatto che in mancanza di notizie i giornali (e le 24 ore di programmazione televisiva di SkySport24) in qualche modo vanno pur riempiti.

Ho maturato queste convinzioni in merito agli spostamenti dei top player. Cito a memoria tra partenti certi e possibili valutati dai 20 milioni in su: Sanchez, Rossi, Aguero, Tevez, Hamsik, Adebayor, Benzema, Bale, Drogba, Falcao, Higuain, Hulk, Nasri, Neymar, Fabregas, Pastore, Ribery, Vucinic)

1. BENCHMARK. In questo momento manca un benchmark, per dirlo con linguaggio economico, ovvero un punto di riferimento economico. Probabilmente quando ci sarà una prima vendita (facciamo due) di un top player si sbloccherà a catena tutto il resto. L’impressione è che inevitabilmente oggi il mercato lo faccia il Barcellona con la trattativa Sanchez. Sarà quello il metro di paragone per tutti.
Pozzo ha valutato 50 mln, le offerte vanno dai 30 mln cash più contropartite tecniche (considerando ciò che questo aspetto comporta in termini di valutazioni finali scritte a bilancio) ai 40-42 milioni. Vista sempre in una logica economica una oscillazione che va dallo 0 al 40% è davvero una enormità e fa capire l’incertezza delle scelte e la difficoltà a chiudere affari.

2. FAIR PLAY FINANZIARIO. Una considerazione che nessun giornale fa è relativa al fair play finanziario (approfondimenti qui e qui). Un anno e mezzo fa l’Uefa fece sapere di essere già in possesso di un pre-monitoraggio. In marzo la Gazzetta ha scritto che secondo gli ultimi bilanci solo 4 squadre di serie A sarebbero ammesse. L’impressione è che i top club – parlo di Europa e anche di chi ha ricavi ben più alti dei club italiani – non siano così virtuosi (salvo eccezioni tutte da verificare). Il discorso vale a livello europeo e l’impressione è che in questo momento la vera leva per tener controllati i parametri sia quella di contenere il più possibile gli ingaggi, perchè in prospettiva rappresenteranno un costo che si ripeterà di anno in anno (un esempio sono le scelte dell’anno scorso della Juventus, che riuscì ad abbattere il monte ingaggi di circa 52 milioni).

3. I CLUB DI SECONDA FASCIA. Probabilmente da qui a fine agosto sarò smentito. Tuttavia oggi alcuni gioielli sono in mano a società come Palermo o Udinese (Pastore, Inler, Sanchez… in particolare quest’ultimo) che si trovano a recitare un duplice ruolo: da una parte quello di sbloccare la situazione come detto al punto 1 (se Sanchez va via a 50 milioni si tira dietro tutti gli altri in termini di valutazioni, se va via a 30 ribassa automaticamente molti top player). Dall’altra si trovano a metà tra la voglia di fare cassa in un momento in cui tutti proporranno pagamenti pluriennali e scambi con contropartite tecniche, e la consapevolezza che oggi soprattutto nel campionato italiano esiste la concreta possibilità di assottigliare ulteriormente il divario sulle prime tre. La Juve è un rebus, il Milan deve dimostrare la tenuta nel lungo periodo, l’Inter è ancora indecifrabile e un pochino sgarruppata rispetto agli ultimissimi anni. Quale istinto – quello di far cassa a prescidnere dal fatto che il mercato è senza cash o quello di tentare il salto di qualità – prevarrà? Questo lo potremo dire solo il 31 agosto.

La “missione impossible” di un calcio da terzo mondo

Milan, Roma e Inter hanno perso la gara di andata degli ottavi di Champion’s League. Tutte e tre hanno perso in casa. E questo complica non poco il discorso qualificazione.

Chi perde la gara di andata in casa in genere esce. Lo dicono i numeri: quest’anno si gioca la trentacinquesima edizione della Coppa dei Campioni e dal 1955 ad oggi è successo soltanto 7 volte che chi ha chiuso la gara di andata giocata in casa con una sconfitta si sia qualificato.

Non svolgo qui una analisi tecnico tattica ma mi limito ad una constatazione statistica, anche perchè il dato che ne esce è abbastanza netto.

L’ultima volta è successo all’Ajax nel 1996 che ad Atene riscattò lo 0-1 interno dell’andata con un netto 3-1. Poi i lanceri persero la finale con la Juventus. questi gli altri precedenti.

1995-1996 semifinale Ajax Panatinaikos 0-1 3-0 Ajax poi battuto in finale dalla Juve ai rigori
1985-1986 quarti Anderlecht – Bayern 1-2 2-0 Anderlecht eliminato poi in finale dalla Steaua poi campione ai rigori sul Barcellona
1979-1980 quarti Notthingham Forest – Dinamo Berlino 0-1 3-1 NF campione 1-0 all’Amburgo
1977-1978 semifinali Liverpool – Borussia M 1-2 3-0 Liverpool campione 1-0 al Bruges
1974-1975 sedicesimi HJK Helsinki – Valletta 0-1 4-1 Hjk fuori negli ottavi con Atvidabergs (Svezia)
1968-1969 quarti Ajax – Benfica 1-3 3-1 (poi spareggio 3-0) Ajax battuto in finale dal Milan
1955-1956 ottavi Milan – Saarbrucken 3-4 4-1 Milan eliminato in semifinale dal Real che poi vinse la coppa

In altre tre occasioni, invece, la situazione è stata pareggiata ma poi la squadra che aveva vinto l’andata ha vinto lo spareggio.

A volerla vedere diversamente, da quando esiste la Champion’s League (con più squadre di uno stesso paese partecipanti) solo in UNA occasione chi ha perso l’andata in casa si è qualificato.

Nella storia intera della Coppa campioni, invece, capita mediamente ogni 7/8 anni che la squadra battuta all’andata riesca a qualificarsi ribaltando il risultato al ritorno. Certo, ora c’è un ritardo di 15 anni e si potrebbe pensare ad una doppia vittoria, ma statisticamente la rimonta è assai improbabile. Non certo impossibile sul piano tecnico tattico, anche perchè le tre italiane dal punto di vista del valore assoluto non mi sembrano inferiori, ma se i precedenti presentano medie così schiaccianti un motivo ci sarà pure.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.