Tag Archives: europa league

L’identità perduta del Benfica – #champions #europaleague #benfica

L’analisi di Tom Kundert tradotta da Portugoal.net

Il Benfica ha battuto il Paris Saint Germain nell’ultimo turno del girone di Champion’s, ma ha chiuso al terzo posto nel gruppo C e anche quest’anno proseguirà in Europa League dopo Natale. Cavani ha portato avanti gli ospiti ma un rigore di Lima e un gol di Gaitan hanno dato alle aquile una vittoria dal sapore dolce amaro.

Jorge Jesus

Per il secondo anno consecutivo il Benfica non ha capitalizzato i progressi fatti. La scorsa stagione il Celtic ha centrato il secondo posto davanti al club di Lisbona, nonostante una sconfitta e un pareggio contro la squadra portoghese. Anche quest’anno il Benfica non può gioire, con una squadra apparentemente meno attrezzata qualificarsi al suo posto.

Questa volta il destino degli uomini di Jorge Jesus è stato deciso nelle due partite contro i rivali diretti per la qualificazione per gli ottavi: l’Olympiakos. Allo stadio Da Luz, un secondo tempo giocato sotto il diluvio ha ridotto il match finito 1-1 a poco più di una farsa. Ad Atene la gara è stata decisa da un solo uomo: l’ex portiere del Benfica Roberto, che ora gioca coi campioni di gregia, ha giocato la partita della vita sbarrando la strada al Benfica nonostante una partita dominata dall’inizio alla fine.

Grandi speranze deluse

Quale giudizio dare, quindi, sul Benfica? Da una parte aver conquistato 10 punti ed essere fuori lo stesso può essere addebitato alla sfortuna, ed è difficile fare una valutazione considerando il fattore-Roberto nella migliore performance stagionale del Benfica. Tuttavia, le speranze erano soprattutto dopo che il Benfica era stato ammesso tra le teste di serie sulla scorta della corsa emozionante per la finale di Europa League dello scorso anno, con un conseguente sorteggio apparentemente favorevole. Il presidente Luís Filipe Vieira aveva addirittura detto che il Benfica poteva nutrire legittime aspirazioni di mira per la finale di Champions League di quest’anno, che sarà giocata proprio allo stadio Da Luz .

Ma il Benfica come è successo dall’inizio della stagione, non è riuscito a ingranare. Senza grandi partenze ed una sfilza di nuovi acquisti estivi per rafforzare la squadra, questo doveva essere l’anno in cui il Benfica doveva fare il salto di qualità. Tutto ciò, semplicemente non è accaduto. Si è tentati di attribuire la colpa al trauma causato dalla spettacolare crollo della scorsa stagione, ma a quattro mesi di distanza gli alibi si stanno esaurendo.

Potrebbe essere che il Benfica è più debole in questa stagione, nonostante una squadra grande e più forte, a causa di una ragione meno tangibile ma potenzialmente più dannosa legata ad una presunta perdita di identità?

Il carismatico Jorge Jesus ha portato un atteggiamento entusiasta dal momento in cui è stato nominato allenatore nel 2009/10. Il trionfo emozionante nel campionato portoghese al debutto è stato seguito da stagioni altrettanto convincenti negli anni successivi. Il calcio iperoffensivo è stato applicato anche in Europa. Nonostante i suoi critici hanno sempre sostenuto che avrebbe dovuto fare meglio, il record di Jorge Jesus parla di quarti di EL, semifinali di EL, quarti di Champion’s, finale di EL: una sequenza di successi che erano impensabili prima del suo arrivo al club. Tutto realizzato con una spregiudicatezza calcistica ammirevole.

L’enfasi sulla solidità

Gli obiettivi sono stati migliorati, ma non sono arrivati i trofei. Sia a causa delle critiche che di una sopravvenuta prudenza consapevolmente adottata, Jesus ha attenuato gli istinti d’attacco della sua squadra e ha adottato un approccio più prudente. Invece di sovraccaricare le ali e istruire i suoi terzini di attaccare incessantemente, il tecnico del Benfica ha posto una maggiore enfasi sulla solidità a centrocampo, il che spiega il ruolo chiave giocato da Fejsa (eccellente visione di gioco contro il Psg), Matic, Enzo Perez e Ruben Amorim in questa stagione.
Le prima scelta nel ruolo di terzino sinistro sono state Siqueira e André Almeida, che spesso ha fatto le veci di Maxi Pereira sulla destra. Certamente difensori migliori rispetto ai precedenti interpreti, ma con minore propensione offensiva

In breve, il Benfica è stato trasformato da una squadra costruita per attaccare in ogni occasione, in una con un approccio più equilibrato. La domanda è: ciò che si guadagna in solidità difensiva riesce a superare ciò che si è perso in vivacità offensiva. Nel peggiore dei casi la squadra e l’allenatore stesso, saranno chiamati ad adottare diversi atteggiamenti nel corso della stagione in base agli avversari. Prevedere l’undici di partenza del Benfica da una partita all’altra in questa stagione si è rivelato fin qui un compito difficile. Ma se Jesus non riuscirà d’ora in poi a dare una chiara identità della squadra, un altro fallimento in Champions League potrebbe essere l’ultimo dei suoi problemi.

Kevin Strootman, l’uomo giusto per la Roma

traduzione da un articolo di James Horncastle per whoscored.com
@JamesHorncastle

Kevin Strootman stats

Strootman ha avuto la più alta media di tackle a partita di qualsiasi altro giocatore in Europa League. Un aspetto del suo gioco migliorato giocando con il suo ex compagno di squadra Mark van Bommel.
 
I due sono stati frequentemente confrontati e c’è qualche ragione in questo. Oltre alla capacità di van Bommel di rompere il gioco, Strootman possiede ha pure qualità da leader. Era il suo vice al PSV ed ha capitanato l’Olanda al Campionato Europeo Under 21 in Israele.
 
Ma qui finiscono le somiglianze. Poiché Strootman è ambivalente: sa costruire il gioco ma anche distruggerlo. Ha una media di 77,3 passaggi a partita in Europa League la scorsa stagione, la sesta più alta nel torneo e ha fatto quei passaggi con una precisione del 91,8%. Si alza su e giù per il campo molto di più di quanto non facesse van Bommel.
 
“Mi piace giocare da un lato verso l’altro”, ha detto Strootman a Il Corriere dello Sport. “Io faccio entrambe le fasi di gioco, attacco e difesa, senza una particolare preferenza.” Indicativo del suo stile “box-to-box” è la statistica che lo pone al quarto posto in Europa League nella scorsa stagione per tiri a partita.

g.a.

L’Italia in Europa vale meno di quel che pesa (3 idee per venirne fuori) – #calcio #europaleague #palermo

Non ho visto la gare del Palermo contro il Thun (eliminazione per i rosanero con 1-1 esterno e 2-2 interno), ma l’eliminazione conferma quello che si sa del calcio italiano: la serie A esprime un movimento mediocre giustamente retrocesso in Europa.

Il rilancio passa inevitabilmente da due operazioni. La prima è di umiltà. Smettiamola di bollare come abbordabile ogni avversario che non sia tedesco, spagnolo o inglese. I giudizi sono per lo più dettati dall’ignoranza, dalla non conoscenza del calcio che si gioca oltre il nostro orticello, da una presunta superiorità ormai smentita più volte dai fatti.

La seconda è di sistema. Oggi il problema è prima di tutto quello di non perdere la terza rappresentante in Champion’s, prima ancora di pensare alla rimonta per riconquistare la quarta. Lo dicono i fatti: lo scorso anno con un coefficiente di 11.571 abbiamo fatto peggio di Inghilterra, Spagna e Germania, ma anche di Portogallo (18.800, migliore paese in assoluto grazie ai trionfi in Europa League dove ha messo 3 squadre su 4 in semifinale). A parità di prestazioni nel 2014 ci troveremo declassati di un’altra posizione.

Perchè è successo questo? Banalmente perchè a fronte di 7 coppe Uefa vinte negli anni ’90 non ne abbiamo più vinta una nell’ultimo decennio. Eppure abbiamo vinto 3 Champion’s contro le quattro delle spagnole! In termini di risultati assoluti abbiamo fatto anche meglio delle inglesi (2 sole Coppe campioni dal 2000 ad oggi), mentre le altre due le hanno vinte il Bayern e il Porto.

Non finirò mai di dire che il vero problema del nostro calcio è il livello medio scadente. Quello che sta esattamente dietro le prime. E’ su quel campo che la Germania ci ha rimontati e su quello stesso terreno che stiamo perdendo posizioni insidiati da Francia e Portogallo. Basti un dato: lo scorso anno la Juventus è stata eliminata dal Lech Poznan campione di Polonia (26esima nel ranking), il Palermo da Cska Mosca (quinto in Russia, sesta nel ranking) e Sparta Praga (campione di Cekia 18esima nel ranking), la Samp dopo gli schiaffi dal Werder è finita dietro al Psv Eindhoven (terzo in Olanda, decimo stato del ranking) e Metalist (terzo in Ucraina, ranking 7). Il Napoli invece ha genialmente pensato di escludere i migliori nella sfida contro il Villareal per giocarsi a denti stretti il terzo posto in campionato. Il nostro livello medio è questo. E solo la gran quantità di partecipanti tiene su lo score.

Risultato: è sul livello medio del campionato che bisogna lavorare. Come si fa? Ipotizzo tre soluzioni.
1. tornare alla radice del nostro calcio, fatto di umiltà e atteggiamenti speculativi. Da dieci anni snobbiamo la Coppa Uefa comportandoci come quelle donne di una certa età che hanno perso fascino ma mantengono la spocchia dei giorni migliori, circondate tuttavia da indifferenza anzichè dall’antica ammirazione.
2. concentrarci su mercati alla portata. L’esempio è il Borussia Dortmund che va a prendere Perisic dal Bruges per 5,5 milioni. Per farlo serve competenza, ma anche pazienza, perchè se si pretenderà di valutare i giocatori in 90′ si andrà sempre più incontro a delusioni.
3. ridurre il numero di squadre nella massima serie (18 o, meglio ancora, 16) per poter alleggerire gli impegni, visto e considerato che difficilmente riusciremo ad intervenire sulla radice logorante del nostro calcio. Un aspetto, quest’ultimo, che rappresenta un’idea praticabile ma non imprescindibile.

Ci sei sempre stata (toh, l’Inter!)

Agli interisti piace tanto Luciano Ligabue. Oddio, non solo a loro, ma loro gli pagano i diritti per mettere le sue canzoni ad ogni gol, e non solo. Ebbene, dopo urlando contro il cielo, una vita da mediano e tante hit di cui si sono impossessati quest’anno la loro colonna sonora potrebbe essere: “Ci sei sempre stata”. Già, perchè alzi la mano chi, nonostante siano passati cinque anni, con altrettanti scudetti nerazzurri, non ha sempre avuto netta l’impressione che in fondo questa Inter fosse nella sua radice più profonda la stessa squadra perdente di sempre.

Le reazioni di Massimo Moratti sono esattamente le stesse uscite da incompetente ante-Calciopoli. Il triplete? E’ stata un’impresa irripetibile, ma è lui stesso a svuotare di significato tutto quello che la squadra ha fatto con processi di piazza sommari, frasi fuori luogo e taciti ultimatum continui ad uno come Benitez, troppo signore per una società rozza come quella.

Non c’è valutazione tecnica, nulla di nulla. Guardate la differenza di stile tra il Milan degli ultimi anni, che non faceva mercato, arrancava ma faceva quadrato, non spendeva ma difendeva anche gli scarsi al pari dei fuoriclasse. Anni fa si diceva che era la mancanza di vittorie a fare la differenza. Ne sono sempre stato assolutamente poco convinto. E questo campionato mi sta dando ragione. Finito il viagra di Calciopoli gli inetti sono tornati.

Intanto – cambiando argomento – in fondo alla classifica stanno 4 squadre di cui 3 neopromosse (Brescia, Lecce e Cesena), a -5 dal resto del mondo, a dimostrazione della altissima stratificazione che ormai ha assunto il nostro campionato: in cui 20 squadre – semplicemente – sono troppe (16 sarebbe il numero ideale). Un vero peccato che non ci sia una reale volontà riformatrice in un campionato ormai da terzo mondo d’Europa, i cui valori tecnici vengono puntualmente presi a schiaffi nella seconda competizione continentale chiamata Europa League, ma che continua a crogiolarsi ingiustificatamente nei fasti dei bei tempi andati ed in un accanimento viscerale che dell’antica passione italica per il calcio ha sempre di meno.

Buonanotte Italia

Premetto che ieri non ho visto la partita della Samp. Tuttavia credo che sia possibile fare un commento extratecnico a quanto è successo ieri sera. Primo elemento di mediocrità: la Samp è uscita da un turno preliminare vissuto con l’emotività di una finale. Secondo elemento di mediocrità: oggi i giudizi sono sostanzialmente positivi, la gazzetta tra giocatori e allenatore da una sola insufficienza (Curci) e ben 5 punti in più del sei (sommando) ai giocatori in campo. Una sorta di ammissione: poverini, più di così non potevano fare. Credete che se al posto della Samp ci fossero state Milan, Inter o Roma i voti sarebbero stati gli stessi? Nonostante questo non si perde l’occasione per tirare in ballo ancora Lippi (su Pazzini…).

Sportivamente dico: il risultato non è tutto nel calcio. Ma è l’unico elemento reale che ti fa capire il tuo livello. Possiamo discutere su una finale vinta o persa, sulla differenza tra un quarto e un ottavo. Ma non tra un preliminare di Champion’s e un possibile accreditamento tra le 16 migliori europee (ovvero lo step successivo che la Samp sarebbe stata chiamata a compiere). Soprattutto dopo anni di schiaffi (da parte di tutte le italiane, Roma e Juventus ultime in ordine di tempo, nella “mediocre” Europa League). E oggi come oggi l’Italia non è più una nazione che – per il calcio espresso – merita le 4 squadre in Champions. Ma ci sarà qualcuno che sicuramente dirà che pure questo è colpa di Lippi. Mentre difficilmente sentirete dire che Lippi nel 2010 ha dovuto pescare gli azzurri in questo mutato quadro di valori tecnici.

Il problema è che al calcio italiano serve un bagno di umiltà che stenta ad arrivare.

Buona la prima

Sono bastati15 minuti. Brao gnaro. O come titola il Sun “Thanks Balot, Mario”. Neanche il mio amico Francesco Sicilia sarebbe arrivato a tanto :)

C’era una volta

Le squadre italiane quando giocano in Europa sono come quelle signore anziane sedute sulle panchine che raccontano di quanto erano belle da giovani con tutti gli uomini a corteggiarle… e i giornalisti sono come i parenti che le ascoltano facendo di sì con la testa con sguardo intenerito e compiacente.

L’Europa che non conta

Quando si dice calcio spettacolo… (vedi video)

Che lo si voglia o meno il futuro del nostro calcio passa dall’Europa League molto più che dalla Champion’s League. Ci siamo cullati nell’idea che la vittoria dell’Inter sul Bayern ci abbia salvati dalla perdita di un posto nella massima competizione, per ritrovarci quest’anno con un probabile declassamento a tre squadre. Penso che il Werder sia favorito sulla Samp, e che il caso Ozil-Real sia stato una succulenta distrazione per i commentatori sportivi che sono stati sollevati dal fare una lucida analisi prepartita sul reale livello delle due squadre, al di là del singolo.

Ed allora il futuro del ranking italiano passa inevitabilmente dalle squadre impegnate in Europa League: Juventus, Napoli, Palermo, probabilmente la Samp. Trovo incoraggiante un certo rinnovato interesse per la seconda manifestazione europea. Probabilmente anni di schiaffi in faccia ci sono serviti (ma non credo bastino ancora per vincere). La miseria di una semifinale della Fiorentina in dieci anni (grande risultato sportivo in sè, ma isolato) è un po’ poco per chi negli anni 90 ha vinto 7 Coppe Uefa su 10.

Sul piano tecnico tattico, tuttavia, dovremo riacquistare l’umiltà di sempre. La ragion d’essere del nostro calcio fatto di difesa e furbizia, e non per questo meno affascinante, spettacolare o vincente di altri. Non si tratta di credere nei giovani o nei giocatori italiani ma semplicemente di metterli in condizione di fare il loro lavoro valutando i progressi (ovvero i miglioramenti rispetto al livello zero attuale) anzichè i sogni (le vittorie che tanto, comunque, al momento sono ridotte appunto a zero). Ricordandoci, infine, di tanto in tanto, che il risultato sportivo è una cosa, la vittoria un’altra. E non sono figli della stessa madre.

ps: da Calciopoli in poi il ranking delle italiane in Europa è sempre peggiorato. Ma si tratta sicuramente di un caso.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.