Monthly Archives: aprile 2012

Ranking Uefa: supremazia spagnola, ascesa tedesca, declino italiano – #calcio #football

L’eliminazione di Real e Barcellona ha fatto passare in secondo piano il fatto che con uno score di 20.571 punti la Spagna quest’anno ha fatto segnare la miglior prestazione nazionale di sempre a livello europeo. Stando così le cose, in virtù del meccanismo dell’eliminazione dei risultati più vecchi di 5 anni, l’anno prossimo potrebbe tornare in vetta alla graduatoria scavalcando l’Inghilterra.

La Spagna aveva perso il primato nel 2007/2008 quando Real e Barcellona uscirono negli ottavi e il Valencia nei quarti mentre le inglesi piazzarono tre squadre in semifinale cedendo però la coppa al Milan (che si prese la rivincita sul Liverpool). Anche in quel caso il Barça fu eliminato da una inglese (il Liverpool) e il Real dal Bayern.

La finale tra Bayern e Chelsea che attribuirà il prossimo 20 maggio la Chiampion’s League 2012 sarà anche uno spareggio per stabilire quale nazione si piazza al secondo posto. Al momento l’Inghilterra è in vantaggio sulla Germania di pochissimo: 15.125 punti contro 15.083.

Una vittoria del Bayern sancirebbe per la seconda volta negli ultimi tre anni uno score migliore a favore dei tedeschi rispetto agli inglesi. Una tendenza che sembra indicare una raggiunta superiorità del livello medio in Bundesliga rispetto alla Premier league, visto anche che negli ultimi 10 anni la supremazia teutonica si era verificata solo nel 2001-2002.

Per l’Italia un altro anno deficitario che ha confermato il reale valore delle nostre squadre a livello europeo. Il ranking complessivo finale è stato di 11.375 punti. Se si esclude l’anno dell’Inter campione d’Europa le squadre italiane in 5 occasioni su 6 degli ultimi anni hanno totalizzato uno score compreso tra i 10.250 e 11.571 punti.

Conserviamo il terzo posto in classifica, ma visti gli ultimi risultati rischiamo di cederlo entro due anni al Portogallo. A livello generale abbiamo raccolto il sesto score (meglio di noi Spagna, Inghilterra, Germania, Olanda e Portogallo): mai avevamo avuto cinque paesi davanti per prestazioni. Andando a ritroso negli ultimi anni siamo arrivati quinti, quarti, quinti e quinti alla pari con la Scozia (nel 2007/2008). Anche nel 2003/2004 (quando raccogliemmo solo 8.875 punti realizzando la peggior prestazione in termini di score degli ultimi vent’anni) meglio di noi fecero solo quattro nazioni (e non cinque come quest’anno): nell’ordine Spagna, Francia, Inghilterra e Portogallo.

Ce lo chiede l’Europa – #imprese #pubblicaamministrazione #economia

Dopo aver sentito per mesi che dobbiamo sacrificarci perché “ce lo chiede l’Europa” è lecito attendersi altrettanta solerzia riguardo alla nuova normativa sui tempi di pagamento della pubblica amministrazione alle imprese.

La direttiva 2011/7/EU dell’Unione Europea infatti è in via di recepimento (esiste già un disegno di legge), e prevede, dal 2013, che i pagamenti della Pubblica Amministrazione debbano essere effettuati entro 30 giorni dal ricevimento della fattura. In casi particolari si potrà arrivare al massimo a 60 giorni.

da banknoise.com

E se ora la #Lega facesse come la Dc? – #politica #amiainsaputa

Umberto Bossi

Leggo troppo entusiasmo intorno alle dimissioni di Bossi. Ammesso e non concesso che ci sia qualcosa che è arrivato al capolinea questo è il bossismo, non ancora il leghismo tout court.

Il rischio maggiore? Che ora gli esperti del marketing politico si mettano alla rincorsa di eventuali voti in fuga provando ad occupare i territori elettorali in cerca d’autore sensibili ai temi intrecciati dalle parole: “ordine, sicurezza, immigrati”. Proponendo magari una versione riveduta e corretta del celodurismo.

Il rischio vero? Quando morì la Dc ci fu la diaspora Dc in tutto l’arco parlamentare, ora la stessa cosa potrebbe succedere con la Lega, che peraltro dalla Fiom all’estremismo di destra, come noto, ha sempre raccolto consensi trasversali.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.